212

Ask me anythingPagina successivaArchivio

c’è un girone all’inferno anche per voi che andate in vacanza in posti allucinanti senza meritarvelo. Vaffanculo. Non me ne frega un cazzo, voglio lamentarmi di voi, siete quelli che non sopporto più di tutti. Non dico di meritarmelo io, ma di sicuro non voi. Strozzatevi con qualche frutto del Kenya.

01.47

Flash che appaiono nei momenti più sbagliati facendoti rompere un bicchiere. Ci sono queste cose, queste piccole e apparentemente insignificanti cose che fai e che restano appositamente ambigue, in modo che io non possa capire se sono pare mie o se effettivamente lo fai apposta. Cosa vuoi fare? Se ne sono accorti tutti di queste piccolezze inspiegabili, come arrivare mezz’ora prima, o rievocare davanti a tutti cose che solo io e te sappiamo. Se ne sono accorti tutti, anche quelli che non c’entrano niente. E io vorrei solo parlarti, chiacchierare, cercare di impressionarci come sempre, capire, non lo so. Comunque l’ho capito il tuo gioco, ho colto cosa vuoi dirmi. Stai cercando di scorgere se per me sei rimasta la persona di sempre, se il tuo nome ha sempre lo stesso significato, l’ho capito perché sono le stesse cose che mi chiedo anche io.  E non c’è niente di male, non c’è nessun tradimento, c’è solo questo rapporto che muta nel tempo, si trasforma, ma che rimane sempre speciale.

Non voglio vederti.

englishsnow:

 Kaity Barrett || Iceland

(via mitravolgiemisconvolgi)