212

Ask me anythingPagina successivaArchivio

(Fonte: lolgifs.net, via efattelaunacazzodirisata)

(Fonte: acquiesce-505, via weheartmumfordandsons)

lumberjake:

hulu:

Once again, we are all Andy.

Personal hero/life coach.

(via thomasplaysbanjo)

22.49 e la spiaggia

Bene. Orfeo va a cattare Euridice dall’Inferno non perchè gli manca lei, ma perché gli manca ciò che gli dava. E quando lo capisce si gira e la pianta nell’Ade. Tre anni, TRE ANNI, di catabasi per girarmi. Voglio dire, ho una bella testa dura. Ma questa cosa c’è sempre stata, in fondo, era “un rincrescimento, incapace di farsi pensiero, ma ostinato a premere dentro in confuso”, per citare l’amico Bufalino. Si è autodeterminata solo adesso, perchè ho rivisto quella foto. Quella foto in cui ricordo esattamente cosa stavo guardando.. stavo guardando il mio specchio, lui, che è uguale a me, che mi ha fatta diventare quella che sono, bene o male, che mi ha forgiata, che fa schifo da dire, e anche da essere, ma se sono qui (e) così è colpa di questo sassolino che per tre anni è rimasto nella mia scarpa e che pensavo si sarebbe incarnato sotto la mia pelle. Io guardavo lui, che se ne stava nell’acqua fino al busto e ogni tanto alzava lo sguardo verso di me per assicurarsi che lo stessi guardando. E io intanto che pensavo che quella settimana non sarebbe mai dovuta finire, che eravamo gemelli separati alla nascita, che non eravamo solo amanti ma avevamo lo stesso sangue, che lui era mio papà e mio fratello, che fuori era rosso ma dentro era blu come quel mare e solo io lo vedevo, e lui lo sapeva. Ma era tutto un ideale, era una stagione della mia vita che volevo diventasse perenne. Non era lui, per quanto sia bello.

E quindi io stavo guardando lui nel momento della foto, quel merletto da sottoporre all’ermeneutica, e stavo guardando me stessa. Ero tutto quel rapporto. 

E adesso cosa sono? Mi sono fatta cambiare, e quella nella foto non lo avrebbe mai permesso.